About





Lo scopo di questo blog è approfondire le più svariate tematiche artistiche riguardanti la città di Brescia e il suo territorio, con l'interesse specifico di valorizzarne ogni aspetto, dal dettaglio alla visione d'insieme. Ogni argomento affrontato mira quindi a una fruizione sempre più ampia, organica e scientifica di un patrimonio culturale di fatto immenso, ma raramente di facile comprensione, proprio perché raramente reso degno di un approccio organico e scientifico.

L'apertura di questo blog nasce da una semplice passione personale maturata nell'ambito di studi scientifici, con la sicurezza di trovare molti estimatori del medesimo campo con cui condividere temi, pensieri e punti di vista. Non c'è alcuna volontà didattica in questo, ma solamente la voglia di parlare di arte bresciana in modo serio, tecnico e ragionato, in un contesto che vuole avere una valenza scientifica, per quanto il progetto sia amatoriale.

In questo, non posso tralasciare temi di attualità: mostre, libri, saggi, tematiche che riguardano lo sviluppo della cultura bresciana in un mondo in cui la cultura sembra di facoltativo interesse, in una "città del tondino" che si è scrollata di dosso il passato industriale.

Buona lettura.

-----------------------------------------------------------


Roberto Panchieri, nato a Brescia il 30/09/1989, si diploma come Geometra all'ITG Bianchi di Brescia nel 2008. Frequenta il corso di laurea specialistica in Ingegneria edile-Architettura presso l'Università degli Studi di Brescia dal 2008 al 2015, conseguendo il titolo accademico nel 2015 a pieni voti con una tesi sullo sviluppo del linguaggio architettonico bresciano nel Cinquecento. I contributi sviluppati in ambito di tesi sono stati parzialmente pubblicati sul quarto volume degli “Annali di storia bresciana”, nel 2016.
Lavora attualmente presso Eurostudi Srl (Brescia) come professore per le scuole superiori in Matematica, Fisica e materie tecniche per indirizzo CAT (geometri).
È membro dell'associazione culturale Progetto BresciaNuova e dell'Associazione Bibliofili Bresciani "Bernardino Misinta".